13-08-10

MARIO BARTOLINI SACERDOTE ASCOLANO AGLI ARRESTI NELLE FORESTE DEL PERÙ

Torniamo sul tema già trattato del sacerdote Ascolano che è tenuto agli arresti a Lima perché ha scelto la parte degli Indios nella foresta. Il 10 agosto doveva aver luogo l'ennesima seduta de processo contro il sacerdote. Abbiamo trovato il testo di un'intervista al sacerdote che riportiamo:

 

Il procedimento va avanti. Siamo alla prima fase, vediamo cosa succede... Mi accusano di  essere un agitatore sociale, un terrorista, di interruzione di pubblico servizio, di apologia di reato... Ma sono solo accuse inventate dal governo e dai gruppi di potere che vogliono mettere a tacere le proteste degli indios. I nostri fratelli indios e i contadini che fino a ieri venivano trattati come schiavi, come muli, sfruttati in ogni modo, oggi si sono svegliati ed esigono il rispetto dei suoi diritti e della sua dignità. Lottano per il diritto alla loro terra, una terra che li appartiene da sempre, una cosa che il governo vuole disconoscere. È questo il punto, che sta alla base di questa vasta protesta sociale iniziata già da tempo e che ora sta diventando generalizzata. Vogliamo che il governo fermi i decreti legge per l’applicazione del TLC (trattato libero commercio) con gli Stati Uniti, decreti che attentano alla dignità e ai diritti del popolo amazzonico”.

 

Denunciamo anche la morosità che si è fatta padrona degli abitanti dell'Appennino Marchigiano, che perferiscono essere tanto discreti se non muti e non parlare più di questa storia, per non interferire. Noi siamo invece convinti (vedi il caso Bettancourt), che più se ne parla e più si fa pressione presso la Farnesina, e più si avrà la speranza, di una soluzione felice del caso Bartolini.

Vi teniamo al corrente.

08:48 Gepost door Per il comitato in ATTUALITÀ | Permalink | Commentaren (0) |  Facebook |

De commentaren zijn gesloten.