28-05-10

PRETE ASCOLANO AGLI ARRESTI IN PERÙ PERCHÉ DIFENDE GLI INDIOS

Aderiamo all’iniziativa della Regione Marche.

 

Rischia il carcere in Perù
La Regione chiede al Governo
di difendere padre Mario

Il missionario passionista ( come San Gabriele), originario di Valcinante di Roccafluvione, in provincia di Ascoli Piceno, è considerato un soggetto scomodo dalle autorità governative "un agitatore sociale"

Ancona, 25 maggio 2010 - Il ministro degli Esteri italiano è stato invitato dalla giunta regionale e dal presidente dell’Assemblea legislativa delle Marche Gian Mario Spacca ad intervenire "immediatamente in nome della difesa dei diritti umani" presso le autorità governative peruviane affinchè "cessino le persecuzioni" contro il missionario marchigiano padre Mario Bartolini, che da più di 30 anni vive in Perù, dove si batte a fianco delle comunità indigene per la difesa della foresta pluviale.

 

Lo chiede una mozione approvata oggi all’unanimità dal consiglio regionale, presentata da Rosalba Ortenzi (Pd). Per le sue battaglie e favore dell’ecosistema nella regione di Yurimaguas - ha spiegato la Ortenzi - il missionario passionista, originario di Valcinante di Roccafluvione, in provincia di Ascoli Piceno, è considerato un soggetto scomodo dalle autorità governative, "un agitatore sociale, è stato più volte minacciato di morte e ora, sotto processo, rischia 11 anni di carcere".

07:59 Gepost door Per il comitato in ATTUALITÀ | Permalink | Commentaren (0) |  Facebook |